BUON MARTEDI’ 13 FEBBRAIO :LA PAROLA DEL GIORNO.

 

 

8102244324410785Martedì 13 Febbraio 2018         
S. Martiniano; S. Benigno; B. Giordano di Sassonia

6.a di Tempo Ordinario

Beato l’uomo a cui insegni la tua legge, Signore.

Gc 1,12-18; Sal 93; Mc 8,14-21

PREGHIERA DEL MATTINO 
Effondi, Padre buono, il tuo Spirito su di noi: la sua voce interiore ci guidi in questo nuovo giorno ad alzare i nostri occhi alla Provvidenza tua che sempre ci previene. Rafforza in noi la fede nel tuo amore. Dacci “occhi per vedere e orecchi per udire” il tuo Figlio Gesù in ogni prossimo che incontreremo e fa’ che riconosciamo sempre la sua voce fra le mille voci di questa giornata.

ANTIFONA D’INGRESSO 
Sii per me difesa, o Dio, rocca e fortezza che mi salva, perché tu sei mio baluardo e mio rifugio; guidami per amore del tuo nome. (Sal 31,3-4)

COLLETTA 
O Dio, che hai promesso di essere presente in coloro che ti amano e con cuore retto e sincero custodiscono la tua parola, rendici degni di diventare tua stabile dimora. Per il nostro Signore Gesù Cristo…

PRIMA LETTURA
Beato l’uomo che resiste alla tentazione.

Dalla lettera di san Giacomo apostolo 1, 12-18
Beato l’uomo che resiste alla tentazione perché, dopo averla superata, riceverà la corona della vita, che il Signore ha promesso a quelli che lo amano. Nessuno, quando è tentato, dica: «Sono tentato da Dio»; perché Dio non può essere tentato al male ed egli non tenta nessuno. Ciascuno piuttosto è tentato dalle proprie passioni, che lo attraggono e lo seducono; poi le passioni concepiscono e generano il peccato, e il peccato, una volta commesso, produce la morte. Non ingannatevi, fratelli miei carissimi; ogni buon regalo e ogni dono perfetto vengono dall’alto e discendono dal Padre, creatore della luce: presso di lui non c’è variazione né ombra di cambiamento. Per sua volontà egli ci ha generati per mezzo della parola di verità, per essere una primizia delle sue creature.

Parola di Dio. 

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 93) 
R. Beato l’uomo a cui insegni la tua legge, Signore.
Beato l’uomo che tu castighi, Signore,
e a cui insegni la tua legge,
per dargli riposo nei giorni di sventura. R.
Poiché il Signore non respinge il suo popolo
e non abbandona la sua eredità,
il giudizio ritornerà a essere giusto
e lo seguiranno tutti i retti di cuore. R.
Quando dicevo: «Il mio piede vacilla»,
la tua fedeltà, Signore, mi ha sostenuto.
Nel mio intimo, fra molte preoccupazioni,
il tuo conforto mi ha allietato. R.

CANTO AL VANGELO 
R. Alleluia, alleluia.
Se uno mi ama, osserverà la mia parola, dice il Signore,
e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui.
R. Alleluia.

VANGELO  
Guardatevi dal lievito dei farisei e di Erode. 
+ Dal Vangelo secondo Marco 8,14-21
In quel tempo, i discepoli avevano dimenticato di prendere dei pani e non avevano con sé sulla barca che un solo pane. Allora egli li ammoniva dicendo: «Fate attenzione, guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode!». Ma quelli discutevano fra loro perché non avevano pane. Si accorse di questo e disse loro: «Perché discutete che non avete pane? Non capite ancora e non comprendete? Avete il cuore indurito? Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite? E non vi ricordate, quando ho spezzato i cinque pani per i cinquemila, quante ceste colme di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Dodici». «E quando ho spezzato i sette pani per i quattromila, quante sporte piene di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Sette». E disse loro: «Non comprendete ancora?».
Parola del Signore. 

OMELIA 
I discepoli di Gesù sono ancora attaccati alle cose non spirituali. Nonostante la presenza del Maestro in mezzo a loro, essi hanno ancora il cuore indurito. Non si ricordano del segno compiuto da Gesù, quando egli spezzò i cinque pani, e moltiplicò i pesci. I discepoli sono incapaci di affidarsi totalmente a Cristo. Come capita anche a noi, essi si affidano a ciò che conduce alla corruzione, alla ipocrisia e alla incredulità. Questo richiamo del Maestro verso i discepoli rimane di attualità anche oggi nella nostra esperienza di vita. Lo sviluppo del mondo moderno ci apre verso delle concezione di incredulità, l’uomo pretende di farsi un dio, abbiamo tanti esempi come ad esempio voler essere padroni della vita e della morte… e ciò non solo nella manipolazione genetica. Abbiamo un solo Maestro, è Gesù Cristo, ascoltiamolo, egli ci da il vero pane di vita e la certezza della sua Parola.
(Padri Silvestrini)

PREGHIERA SULLE OFFERTE 
Questa nostra offerta, Signore, ci purifichi e ci rinnovi, e ottenga a chi è fedele alla tua volontà la ricompensa eterna. Per Cristo nostro Signore.

ANTIFONA ALLA COMUNIONE 
Chi osserva e insegna agli uomini i precetti del Signore, sarà grande nel regno dei cieli.

PREGHIERA DOPO LA COMUNIONE 
Signore, che ci hai nutriti al convito eucaristico, fa’ che ricerchiamo sempre quei beni che ci danno la vera vita. Per Cristo nostro Signore.

PREGHIERA DELLA SERA 
Abbi pazienza e perdono, o Gesù, per noi ciechi, che stentiamo a comprendere. Trascinaci nel raggio della tua luce, che è la sola nostra luce. Così, ripieni di te, possederemo i tuoi occhi già in terra e passeremo nel mondo con il tuo cuore. E anche se i nostri occhi si chiudono alla luce del giorno per il riposo della notte, non si spenga in noi l’amore, e fa’ che ci risvegliamo pronti a seguirti e ad ascoltarti, per poter portare te e solo te agli uomini del nostro tempo.

Autore: ilmattinosacroblog

AMO GESU' E MARIA <3

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: